Cattedrale di Sarsina

Da EUR 0

Percorso guidato sulle orme del protovescovo e taumaturgo san Vicinio, evangelizzatore della vallata, patrono della diocesi ieri di Sarsina, oggi di Cesena-Sarsina; le sue spoglie nel medioevo erano poste nella cripta e custodite in un sarcofago – quasi certamente l’arca oggi collocata sul fianco esterno sinistro della basilica – databile all’età tardoantica o paleocristiana.
Indirizzo: Piazza Plauto - Sarsina (FC)
 
Cammini Interessati
  • Cammino di San Vicino
Per maggiori informazioni:
Tel - 0547 94818
Email - r.serra47@gmail.com

Informazioni Aggiuntive

Categoria
monasteri-aperti

Da EUR 0

Prenota

In evidenza

Il contesto urbano in cui è ubicata la basilica cattedrale-santuario di Sarsina ricalca l’antico insediamento (la piazza attuale copre il foro romano). È difficile separare le vicende dell’importante edificio sacro dal sepolcro di san Vicinio, vissuto a cavallo dei secoli IV-V e primo vescovo della città. Il patrimonio artistico che vi si può ammirare è costituito da arredi e oggetti di varia provenienza. Si va dal lapidarium romano, bizantino e medievale a pregevoli manufatti altomedievali; dal fonte battesimale all’ambone, notevole scultura romanica del secolo XII con i simboli dei quattro evangelisti; al paliotto d’altare, una lastra marmorea a capanna databile ai secoli X-XI ma su reimpiego di un’epigrafe altomedievale, raffigurante Cristo in trono fra gli arcangeli Gabriele e Michele che calpesta un drago simbolo del demonio (la scultura proviene dall’abbazia di San Salvatore in Summano, oggi Montalto).